CHI SITI D’ACQUA ‘NA ME TERRA

ciauda emauele di giorgio

Avrei voluto che la mia terra fosse come una madre, attenta
ai propri figli, pronta a dare conforto, speranza, amore.
Ma la mia madre terra distratta dall’ignoranza li perde di vista
“se saranno forti sopravviveranno, altrimenti peggio per loro”.
Alcuni si sono persi, altri continuano a cercare e si lasciano correre nel cielo
con la speranza un giorno di diventare il suo sole.
La mia terra è la mia tana, è il mio nido, è il mio sole, è il posto dove vorrò sempre tornare.

Emanuele di Giorgio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.